EMANUELE BARBATI INTERVIEW | SURF&MUSIC

18 Dicembre 2013
(0 Voti)
Autore:  
Il cantautore pugliese EMANUELE BARBATI torna a far parlare di sé con il nuovo singolo “Finalmente” disponibile da giovedì 7 novembre, in digital download e su tutte le piattaforme streaming.
 
Dal brano è stato realizzato un video clip, prodotto da Bunker Lab, che è stato girato nella terra natale del cantante: rappresenta un inno al mare e alla sua capacità di cullarci e rassicurarci anche nei momenti in cui siamo emotivamente più provati.

“Finalmente” è un singolo che avvolge in modo naturale con la sua melodia fresca, opposta ma complementare alla profondità del testo. È un viaggio nelle profondità dell’ispirazione, da affrontare battendo le mani a ritmo. Scritto da Emanuele Barbati, è stato prodotto da Roberto Vernetti (che ha già collaborato con Elio e le Storie Tese, Patty Pravo, Irene Grandi, Mina, Pacifico, Mario Venuti, Dolcenera e altri).

Il video di “Finalmente” è girato tra la Città Vecchia di Taranto e la litoranea salentina. Emanuele Barbati interpreta il personaggio di una storia d’amore che, disteso su una canoa, porta con sé solo un albero con un biglietto simbolo del passato ma anche di speranza. L’attrice protagonista è Giusi Febbrile, scelta alla fine di un lungo casting tenutosi al teatro di Taranto “Tatà”, che ha visto la partecipazione di più di trecento ragazze. Il video ha la regia di Danilo Caputo ed  è stato prodotto da Alessandro Contessa per Bunker Lab.

https://www.youtube.com/watch?v=k8ZNh4C-l7M

“Con questo videoclip – afferma EMANUELE BARBATI - siamo tornati a girare in Puglia, ed è stato emotivamente coinvolgente  lavorare in posti esteticamente bellissimi e intrisi di una storia gloriosa. Il mio piccolo omaggio ad una terra che oggi è martoriata da problemi lavorativi e ambientali prima tra tutti l’Ilva. Essere riusciti a trascrivere perfettamente in immagini una mia canzone, per me, è affascinante: un video musicale è un insieme di emozioni che diventa storia di vita da guardare”.
 
emanuele barbati dietrolequinte7 copia

EMANUELE BARBATI è un compositore e autore di Taranto. Laureato in musicologia, ha studiato chitarra, pianoforte e produzione musicale presso il CPM Music Institute di Milano, diretto da Franco Mussida. Cresce nella scena punk pugliese imbracciando una chitarra che, però, alla fine suona alla Ben Harper. Quella chitarra, lo porta in America nella Bay Area di San Francisco. Lì, EMANUELE frequenta gli uffici di alcune importanti etichette indipendenti tra cui Adeline Records e Fat Wreck Chords e divide le giornate tra la musica e il surf. Chitarrista esperto e giovane poeta torna in Italia e, grazie ai finanziamenti di Puglia Sounds, pubblica il primo album “Sulla Stessa Via” da cui è stato estratto il singolo “Defaillance”.
 
emanuele barbati foto6
 
Noi di Surfinsalento, incuriositi dalla sua storia e dalla sua musica, gli abbiamo rivolto qualche simpatica domanda sul suo lavoro e sul suo rapporto con il mare e con il surf:
 
"Quanto ha influito il mare sulla scelta della tua professione?

Io abito molto vicino al mare, credo sia uno degli elementi col quale ho più confidenza. Sin da bambino vi passavo intere giornate e non solo nei periodi caldi. Credo che abbia avuto un ruolo importante nella mia fantasia e lo uso ancora come posto dove andare a riflettere. Sicuramente, ha notevolmente inciso sul mio modo di essere più che sulla mia professione…in molti mi fanno notare che in quasi ogni mia canzone c’è un riferimento al mare.

Da quanto tempo fai il surf?

Da due anni più o meno, con risultati non sempre eccellenti perché sono spesso in giro e perdo un sacco di mareggiate ma appena posso mi butto in acqua! Credo che solo quelli che passano sulle vostre pagine possano capire cosa significhi stare tra le onde a gennaio o guardare il paesaggio mentre aspetti seduto sulla tavola.

Quali posti hai visitato per fare il surf?

In generale lo pratico qui a casa, l’unico posto in cui sono stato e dove si poteva surfare è stato San Francisco, potete immaginare cosa significhi avere ogni giorno la possibilità di stare in acqua senza dover aspettare, come dalle mie parti, una scaduta di scirocco!

Cosa pensi del surf in Italia e del surf nella tua amata puglia?

Sono abituato a pensare al surf non tanto quanto uno sport ma come un approccio di vita, la cura del luogo dove si surfa, il rispetto del mare, educare le persone al rispetto delle spiagge credo siano cose importanti per chi fa surf. In Italia ci sono tante crew, qui da noi a Taranto ci si rispetta tutti molto.

Conosci Singing On Water, il progetto di Surfinsalento?

Sì sì lo conosco, anzi prima o poi voglio suonare in qualche serata del vostro progetto!

Che ci dici a proposito di surf&musica?

Il surf e la musica sono due cose che vanno particolarmente in sintonia, ci sono tanti artisti che lo praticano anche in maniera pro, Jack Jonhson e Ben Harper su tutti.

Dacci un'anticipazione sui tuoi prossimi obiettivi musicali e sportivi.

Dopo l’uscita del singolo “Finalmente” stiamo iniziando le registrazioni del prossimo disco che dovrebbe uscire in primavera, spero nel frattempo di stare quanto più possibile in mare, da queste parti è quasi un mese che non vediamo onda!"

E allora non ci resta che fare un grosso in bocca al lupo ad Emanuele ed invitarlo a fare un po di surf insieme a noi!

Top